Creatina di qualità

07/02/2014

Cosa è la creatina?

La creatina è un amminoacido presente nel corpo umano, il 95% è immagazzinata nel muscolo scheletrico, la restante parte in cuore, testicoli, cervello e retina; è contenuta in piccolissime quantità nella carne (circa 1 grammo su 250 grammi di carne rossa) e rappresenta un supporto alimentare molto importante nello svolgimento di specialità quali la corsa, il ciclismo di velocità ecc.

Quali sono le funzioni della Creatina?
La creatina viene convertita nei muscoli a creatina fosfato (fosfocreatina) la cui funzione è quella di fornire energia al metabolismo anaerobico alattacido, quindi durante gli sforzi anaerobici, intensi e di breve durata. Aumenta la performance muscolare, facilita il recupero tra uno sforzo e l’altro e diminuisce la produzione di acido lattico poiché ritarda la glicolisi anaerobica.

La necessità di utilizzare grandi quantità di adenosintrifosfato (ATP) per più tempo, comporta la necessità di incrementare le riserve di creatina muscolare.

La creatina monoidrato è un integratore in forma di polvere, la forma più economica che si trova in commercio, può essere somministrata per bocca a dosaggi variabili a seconda del peso corporeo e del carico di lavoro quotidiano. Il ciclo creatina-fosfocreatina è essenziale nella rapida risintesi dell’ATP.

Gli effetti della creatina
Ecco come si possono riassumere gli effetti della somministrazione orale di creatina monoidrato:

- Aumento del contenuto totale di creatina monoidrato.
- Aumento della quantità dell’ATP utilizzabile.
- Aumento della potenza anaerobica alattacida.
- Aumento della capacità tampone con miglioramento della capacità di neutralizzare l’acido lattico (prestazioni lattacide ed anerobiche ad elevata intensità).
- Possibile fattore positivo sulla sintesi delle proteine.

Chi dovrebbe assumere Creatina ?
La creatina monoidrato è abbastanza ben assorbita dal corpo e si dimostra quindi utile sia nell’allenamento per intense attività di potenza e velocità, sia nei giochi di squadra come il calcio, il rugby, la pallacanestro, l’hockey… e ancora in alcune attività di endurance, quali la marcia, il ciclismo e il fondo e nelle discipline di palestra quali il Body Building e l’aerobica.

Riassumendo:
- Per chi vuole aumentare la massa muscolare;
- Per gli atleti di potenza;
- Per chi vuole migliorare le performance sportive.

Vi sono differenze qualitative di Creatina ?
Le condizioni di produzione ed il trattamento delle materie prime sono determinanti per la qualità del monoidrato di creatina. Le materie prime di scarsa qualità o una depurazione non appropriata portano a grandi quantità di impurità come la creatinina, il dicianidammide e la diidrotriacina.

Quando il consumatore acquista un qualsiasi integratore a base di creatina, richiede e pretende la massima purezza e qualità del prodotto. Iniziamo col dire che nessun supplemento contiene creatina pura al 100%. Nel famoso e tradizionale monoidrato, sia esso micronizzato o meno, troviamo circa l'88% di creatina pura, mentre il rimanente 12% e costituito da acqua. Nella forma effervescente, per il maggior peso molecolare del citrato, la percentuale di creatina pura scende intorno al 50%. Analogamente, nella forma fosfato, la concentrazione di creatina è pari al 62% circa.

Ora rispondiamo alla domanda che spesso i consumatori più esigenti e attento ci pongono: “Quale integratore di Creatina acquistare?”

"LA QUALITÀ" fa la differenza!!!
La creatina più nota ed apprezzata a livello internazionale per l'elevato grado di purezza, ma anche per il maggior costo di produzione, è la "creapure" (SKW-degussa).
Le aziende che utilizzano questa materia prima per i loro integratori hanno tutto l'interesse a specificarlo chiaramente in etichetta. Va sottolineato che alcune espressioni promo-pubblicitarie del tipo "creatina monoidrato pura al 100%", senza un chiaro riferimento all'origine della materia prima, non vanno certo intese come garanzia di qualità. Allo stesso modo, se il prezzo del prodotto risulta eccessivamente basso rispetto ai concorrenti, è lecito sospettare che non contenga creapure.

Creatina di bassa qualità
Il problema legato alla commercializzazione di creatina più economica e di qualità non riconosciuta è il potenziale contenuto in impurità e prodotti di rifiuto (come la creatinina, la diciandiammide e la diidrotriacina). Ai consumatori meno attenti, che spesso hanno la necessità di risparmiare, consigliamo di evitare questi prodotti, dal momento che ad alte dosi la quota di impurità assunte diventa consistente.

Creatina americana di qualità
Alcune aziende americane utilizzano, per i propri integratori, esclusivamente creatina made in USA, evidenziando un grado di purezza pari a quella tedesca.

Tag: creatina

V-Power Juventus Official Supplier
San Marino Pro 2016
Sigla.com - Internet Partner