LEUCINA E METFORMINA

31/05/2013

La metformina è un farmaco utilizzato spesso nel trattamento elettivo del diabete. Le conclusioni sono state consistenti per quanto riguarda l’impiego della metformina nella cura del diabete di tipo 2, concomitante l’obesità, in quanto ha un effetto notevolmente positivo sulla perdita di peso. Per questo i bodybuilder hanno cercato di avvantaggiarsene. Pensiamo che la principale azione della metformina nel diabete dipenda da una diminuzione della produzione di glucosio nel fegato, da un aumento della scissione del glucosio intestinale in lattato, oltre all’assorbimento sempre del glucosio, dipendente dall’insulina e nei tessuti periferici. Con meno glucosio per l’energia, il corpo può preferire il ricorso all’adipe e pertanto otteniamo l’effetto “dimagrante”.
È stato dimostrato che la metformina agisce attraverso una riduzione del metabolismo dei mitocondri e, di conseguenza, una riduzione della produzione di ATP (l’ATP è utilizzato dai muscoli per creare l’energia necessaria alla contrazione). Quando l’ATP è più basso, viene attivato un enzima chiamato AMPK. L’AMPK inibisce l’attività dell’mTORC1, il quale è un regolatore fondamentale responsabile dell’avvio della sintesi proteica nei muscoli. Molti studi hanno dimostrato che la leucina è capace di stimolare l’avvio della sintesi proteica muscolare attraverso l’mTORC1.1 In pratica avviene quanto segue: quando c’è poca disponibilità di energia (cioè poco glucosio), l’AMPK è attivato, questo inibisce l’uso delle proteine per la crescita così che il corpo non si ritrova in un deficit energetico.
Studi relativamente recenti suggeriscono che la metformina possa inibire direttamente l’azione della leucina sull’mTOR.2 Non solo è cattivo segno per la crescita muscolare, ma l’effetto inibitorio della metformina sull’mTOR dovrebbe avere un effetto principale per la sua correlazione con la riduzione del rischio di tumori mortali nei diabetici.3 Interessante quanto postulato dal Dr. Melnik della University of Osnabrück in Germania: la metformina può essere una concorrente diretta della leucina per il legame e l’attivazione dell’mTORC1. Il dottore ha osservato nel suo articolo che la consueta dose quotidiana di metformina (2 g) è nel range dei 2 g di leucina derivati dal consumo giornaliero di 100 g di carne o di formaggio. Poiché le due sostanze sono simili di struttura e dimensioni, possono essere in competizione per i medesimi siti nell’attivazione dell’mTOR.
Molti sono i dati in contrasto su come la leucina e le diete iperproteiche occidentali possano contribuire al grave dilagare dell’obesità e del diabete di tipo 2. L’attivazione del segnale per l’mTOR da parte della leucina è ritenuto causa di una secrezione eccessiva di insulina, della morte prematura delle cellule beta che producono l’insulina e della perpetuazione dell’obesità infantile attraverso l’elevato contenuto che ha il latte di mucca in polvere per bambini. Comunque, la letteratura sull’attività fisica e l’integrazione sportiva dipingono un quadro migliore della leucina e della sua forte capacità di potenziare la sintesi proteica nei muscoli, limitare l’atrofia muscolare e migliorare la resistenza all’insulina. Potrebbe essere trovato un buon compromesso che gli scienziati illustrerebbero in studi futuri.

Il Dr. Victor Prisk è un chirurgo ortopedico abilitato e professionista IFBB. È membro attivo del GNC Medical Advisory Board e inventore di “G.A.I.N. Plan”. È un ginnasta NCAA, campione nel ballo swing e campione nazionale NPC nei pesi welter.
V-Power Juventus Official Supplier
San Marino Pro 2016
Sigla.com - Internet Partner